School Info Chart – I Saltafossi

Siamo un gruppo di insegnanti, genitori, artisti e artigiani, che ha dato vita a un progetto educativo basato sui principi dell’educazione non autoritaria, libertaria e democratica, volto alla sensibilizzazione alla relazione, all’arte, all’ecologia, dove le scelte filosofiche, economiche e operative vadano nella direzione di uno stile di vita equo e solidale, sobrio e sereno.

Il progetto ha le sue radici nelle esperienze di ricerca proposte dall’Associazione culturale Il Volo nel campo delle discipline psicofisiche, delle arti e dell’educazione, maturate nel Progetto Merzbau. Riceve ispirazione e impulso dalle esperienze di educazione libertaria (democratic education) e di scuola non-scuola vive e attive in varie parti del mondo. Il progetto si inserisce nella Rete per l’educazione libertaria italiana (http://www.educazionelibertaria.org ) e nella Rete europea per l’educazione democratica o EUDEC (https://www.eudec.org ).

Il progetto è attivo per i bambini dai 4 ai 14 anni.
L’orario è dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 14.00. Il mercoledì pomeriggio fino alle 16.00 per i bambini/e più grandi (al momento dai 6 agli 11 anni ).
Attualmente, il gruppo di bambini/e coinvolti nel progetto è costituito da 30 bambini/e di età compresa tra i 3 e gli 11 anni. Partecipano al progetto 5 educatrici/accompagnatrici. Vi sono inoltre 4 “insegnanti di materia” che propongono percorsi specifici.

Finalità di questo progetto è sperimentare un modello educativo dinamico, che permetta in maniera efficace, una crescita, una conoscenza, espressioni e relazioni realmente calibrate sui bisogni e le potenzialità di ogni persona.
La possibilità di un tale approccio all’educazione e all’apprendimento nonché all’intraprendere percorsi personalizzati è data anche da un rapporto decisamente alto tra adulti e bambini, come si vede dal numero di educatori presenti.
Aspetto operativo fondamentale è l’assenza di una rigida divisione secondo classi di età, ovvero la possibilità per bambini/e di età diverse di fare percorsi comuni, a seconda dei propri interessi, talenti e fasi di sviluppo individuale. Tale modalità favorisce da una parte un naturale processo di “tutoring” e di apprendimento “per incidentalità” (ma anche “per imitazione”). Dall’altro lato, mette bambini/e di età diverse nella condizione di poter collaborare e lavorare insieme per un obiettivo o un interesse comune, nella prospettiva di un apprendimento cooperativo (cooperative learning). Allo stesso modo offre la possibilità, laddove ve ne sia richiesta o necessità, di poter approfondire percorsi personalizzati.